Read Semiótica by Charles Sanders Peirce José Teixeira Coelho Netto Online

semitica

O reconhecimento da extraordinária importância do pensador e da obra de Charles Sanders Peirce em quase todos os campos das ciências, e sobretudo nos da humanas, deu-se com certo atraso em nosso meio. Só por volta das décadas de 1960 e 1970 seu nome e seu trabalho ganharam maior circulação, exame e aplicação entre os estudiosos e críticos, por exemplo, da literatura, das aO reconhecimento da extraordinária importância do pensador e da obra de Charles Sanders Peirce em quase todos os campos das ciências, e sobretudo nos da humanas, deu-se com certo atraso em nosso meio. Só por volta das décadas de 1960 e 1970 seu nome e seu trabalho ganharam maior circulação, exame e aplicação entre os estudiosos e críticos, por exemplo, da literatura, das artes, antropologia, sociologia, psicanálise, psicologia e arquitetura, nas universidades e nas revistas especializadas brasileiras. Mas, desde então, tornou-se um saber e um instrumento indispensáveis para a pesquisa e análises sistemáticas. E a Editora Perspectiva orgulha-se de ter sido uma das primeiras a lançar sob o título de Semiótica, uma ampla coletânea de seus escritos, cuidadosamente selecionados e traduzidos. Este livro tem sido uma menção reiterada nos trabalhos de alunos e pesquisadores que se debruçam sobre as matérias em que o estatuto da linguagem é básico, seja por princípio, seja pela ótica adotada....

Title : Semiótica
Author :
Rating :
ISBN : 9788527301947
Format Type : Paperback
Number of Pages : 352 Pages
Status : Available For Download
Last checked : 21 Minutes ago!

Semiótica Reviews

  • Gerardo
    2019-02-13 19:57

    Questo testo non è più in commercio, quindi questa recensione è destinata a chi vuole farsi un bel viaggio in biblioteca. Peirce è alle origini di molte delle riflessioni sui segni che si sono sviluppate e diffuse nel corso del Novecento, soprattutto negli anni Ottanta. Il suo stile è molto tecnico, estremamente asciutto, in contrasto con la sua stessa epoca, dove nell'ambito filosofico si dava ancora grande importanza alla bellezza stilistica, a volte anche a scapito della chiarezza. Peirce, invece, punta soprattutto a quest'ultima, purtroppo non sempre riuscendoci: numerosi sono i passi estremamente macchinosi. Il pensiero più importante racchiuso in questo libro è la descrizione di tre tipi di segni: l'Icona, l'Indice e il Simbolo. L'Icona rappresenta l'oggetto alla quale si riferisce, condividendo con esso alcune caratteristiche: basta pensare al ritratto di una persona. L'Indice, invece, 'indica' un oggetto con il quale ha un certo legame: l'impronta di una scarpa indica la presenza di un uomo. Infine, il Simbolo è un elemento che per convenzione rimanda a un determinato oggetto: ad esempio la parola 'bicchiere' per un parlante italiano rappresenta il bicchiere fisico, seppure nella parola 'bicchiere' non ci sia nessun elemento che spieghi l'effettivo legame tra essa e l'oggetto bicchiere. Quindi, ripeto, solo convenzionalmente i due aspetti sono legati tra di loro. Questa struttura triadica si ripete all'interno dei ragionamenti di Peirce e si declina anche in altri aspetti, tutti legati ai segni e alla logica. Qui sarebbe troppo lungo spiegarli tutti, vi basti quanto ho detto nel paragrafo precedente. L'aspetto più interessante, a parer mio, però, è racchiuso in poche battute presenti alla fine del libro: secondo Peirce, ogni ragionamento logico può essere protratto all'infinito. La fine di un ragionamento può diventare l'inizio per un ulteriore ragionamento. Non c'è la possibilità di raggiungere La Verità, ma di avvicinarsi soltanto ad essa via via che si aumentano le conoscenze. Le nuove teoria rettificano quella antiche. Eppure, secondo Peirce, c'è la possibilità di concentrarsi su alcune conclusioni. Queste conclusioni, alla fine di un determinato tipo di ragionamento, diventano precisamente 'finali' quando queste si trasformano in 'abito', cioè in un atteggiamento che si ripete, che diventa proprio di colui che ha ragionato (proprio come un abito vero). Perché è importante una considerazione del genere? Perché questo ci mostra come il vero valore di ogni ragionamento sia nel fatto che questo ci conduca ad agire in un certo modo. Questo contro tutti coloro che pensano che l'attività riflessiva sia un mero giochino mentale, ma anche contro tutti quei pensatori che si limitano a vantarsi della propria intelligenza, senza effettivamente mettere in pratica quanto detto. Un testo per chi vuole approfondire la storia della Semiotica o del Pragmatismo come corrente filosofica e per chi vuole risalire alle origini della filosofia analitica.