Read Dark Shadows: Angelique's Descent by Lara Parker Online

dark-shadows-angelique-s-descent

Dark Shadows’s two most popular characters, Barnabas Collins and Angelique, were eternally bound by love and hate. Now actress Lara Parker, Angelique herself, tells the story of how it all began. The dashing heir of a New England shipping magnate, Barnabas Collins captures the heart of the exquisite, young Angelique amidst the sensual beauty of Martinique, her island home.Dark Shadows’s two most popular characters, Barnabas Collins and Angelique, were eternally bound by love and hate. Now actress Lara Parker, Angelique herself, tells the story of how it all began. The dashing heir of a New England shipping magnate, Barnabas Collins captures the heart of the exquisite, young Angelique amidst the sensual beauty of Martinique, her island home. But Angelique’s brief happiness is doomed when Barnabas deserts her and becomes engaged to another. With this one betrayal, Barnabas unleashes an evil that will torment him for all time. For Angelique is no ordinary woman. Raised in the mysterious black art of voodoo witchcraft, she long ago pledged her soul to darkness and became immortal. Vowing to destroy Barnabas, a vengeful Angelique damns him to eternal life as a vampire—a companion to accompany her forever. Little does Angelique understand the depth of Barnabas’s fury....This edition of Dark Shadows: Angelique's Descent has been updated by the author with an all-new final chapter....

Title : Dark Shadows: Angelique's Descent
Author :
Rating :
ISBN : 9780765332608
Format Type : Paperback
Number of Pages : 432 Pages
Status : Available For Download
Last checked : 21 Minutes ago!

Dark Shadows: Angelique's Descent Reviews

  • Wanda
    2019-01-01 15:09

    My boyfriend and I got talking recently about the factors that have shaped our literary tastes. I’m a devoted fantasy reader, which started with Tolkien, and he is similarly committed to the world of Sherlock Holmes. We found we had wide-ranging influences, including books, comic books and TV shows. We share fond memories of the campy Batman show featuring Adam West, comic books like Superman and Turok Son of Stone, the Wizard of Oz, and the animated Spiderman series on TV when we were kids.It’s funny what these wide-ranging conversations can shake loose in the dusty recesses of your memory—it got me remembering how much I enjoyed the show Dark Shadows, a weekly soap opera featuring the immortal Barnabus Collins, a doomed vampire, and his aristocratic family to whom he returns. On a whim, I searched our public library’s database, thinking maybe I could access DVDs of the series, but what I found was a three book series, written by one of the original cast members of the earliest incarnation of that title. (Lara Parker played Angelique, the female antagonist to Barnabus). Now I’ve done some research and I think that the version of Dark Shadows that I fondly remember must be the 1991 remake, but I’m just not sure. I could have sworn that I watched this series while still living at home with my parents (and I left to go to university in 1979) and its becoming obvious to me that my past memories are not to be trusted with regard to time—i.e., when something happened. I think a bit more research on YouTube may be in order in the near future. Be that as it may, I requested this first book of the trilogy and was pleasantly surprised—it is very much a soap opera, with lots of emotional drama, plenty of voodoo, and a generous dash of black magic. The actress author is a reasonably good writer and, having played Angelique for many years, she has a great vision for Angelique’s back story which is the focus of this book. Barnabus only becomes a vampire at the book’s end and the tale continues in the next volume. Dark Shadows is probably one of the pop culture influences that have gradually transformed the vampire from a disgusting, terrifying revenant (think Stoker’s Dracula or film’s Nosferatu) into the handsome, romantic character that features so prominently in recent fiction (think Twilight or Anne Rice’s works). I certainly wouldn’t push this book on anyone else, but for me it is scratching an itch that I acquired in my stroll down memory lane. (I’m also on the hunt for some Turok Son of Stone comics, stemming from the same conversation, because who doesn’t want to read about Native Americans fighting dinosaurs?)

  • Jill Jackson
    2019-01-08 15:56

    As a fan of Dark Shadows, I was curious to read Lara Parker's prequel to the never-ending tragedy of Barnabas and Angelique. I did not have high expectations for the novel, assuming it would be a good read but on a par with formulaic romance stories. My low expectations were surpassed fairly quickly, however, by an interesting and well-written storyline. I would hope that readers new to the mythology of Dark Shadows could enjoy this novel on it's own merits, but I am not certain of that being the case. My own mind was imbued with the television characters, thus causing me to already love and care for their Gothic supernatural lives. The story concerns three pivotal characters, and one lesser one: Angelique, whom we follow from her dramatic voodoo childhood in Martinique to her dance with the devil as a full-grown witch in Maine during the late 1700's; Barnabas, the enchanting man she meets in her youth, and whose rejection of her obsessive love leads to his eternal curse; Josette, the fine lady love of Barnabas, who innocently causes her maid servant Angelique much unhappiness; and Julia, the ever-suffering modern-day companion to the lovelorn Barnabas of the twentieth century. The novel moves back and forth between modern times and the 1700's, as did the TV show it is based on. The seamless transition is accomplished by the use of an old diary, discovered after a fire at the Old House. A simple literary device, but it works. The story is engaging, and enough of a page-turner to make the rather long novel a quick summertime read. Lara Parker, who played the part of Angelique in the original series, is a cut above the usual romance novelist. She took a great amount of care in crafting this story, and produced a work that is a surprising and welcome addition to my home library.

  • Enchantressdebbicat ☮
    2019-01-03 14:17

    Finished this earlier today. It was very good. I am no real reviewer, but I know what I like, and I like Lara Parker's writing and this story, these characters, this setting. It was beautifully written with descriptions that easily took me to the setting of Martinique, the home of Angelique during childhood, and Collinwood, where the Collins family lives. I bought this on kindle first, being very eager to read it at the beginning of my October, All Hallows Read Challenge. I later realized a had a credit available on audible and was delighted to find that the author narrates it herself. Oh joy! I downloaded it on the go and was off and running in the car to listen while running errands. Angelique was my favorite character in the series. Lara Parker played her so well. Beautiful, mysterious, delicate, long blond curls, flowing dress; those eyes! I was captivated by her during the time period I watched the series. I wanted to be her. This story of her early beginnings by Lara Parker is perfect and explains so much. It gives you a lot of sympathy for her and why she did the things she did and a great deal of insight into her obsession with Barnabas. The two are so intertwined. Now I wanna find the videos and re-watch the whole series with the background knowledge I now possess. Their love/hate relationship is one of true gothic romance. Obsession, possession, evil black magic, voodoo, goddess...it's all in here. It captivated me and I often stayed up too late reading (which I rarely do bc I really like getting my sleep); and took extra walks to listen to find out what would happen next. The story is beautifully written.I know it is one I will read again.(and or listen to) And that is saying a lot. I don't re-read many books. Also, I was tickled to find that at the end of the audible version, we are given the first chapter of the second book in Parker's trilogyThe Salem Branch. I was sucked right in and had to listen to that. It picks right up where the other left off. Mostly. I have already downloaded book 2, The Salem Branch from audible and am looking forward to Lara Parker weaving more of the story of the Collins family (and Angelique); as well as listening to her narration, which I think she is very talented at. I suppose most actresses are. I found it the icing on the cake for her to read these novels, being I feel I know her voice so well through her years of playing Angelique. Can't wait to see where this next book goes. I loved everything about Angelique's Descent.Dark Shadows: Angélique's Descent

  • Mieneke
    2018-12-29 18:57

    When I was approached to review Dark Shadows: Angelique's Descent, one of the reasons I accepted was the fact that this was the story on which the new Tim Burton film was based. The other was that this was a book definitely a little outside of my comfort zone and I think it is important to challenge your reading habits at times. Unfortunately, I failed my own challenge. This book was a struggle for me. It wasn't my cup of tea, turning out to be far more on the romance side than I expected. If I hadn't promised to read and review it, I might have put it aside. Perhaps I should have done more research beforehand, as I would probably have had different expectations if I'd done so. Dark Shadows, the film, isn't the first incarnation of this tale, far from it. Dark Shadows originated as a daytime TV soap in the 1960's and had a short-lived revival in the early 1990's. Taking these origins into account, the fact that the book is as romancey as it is, shouldn't have been a surprise. As it was, I was caught by surprise, but my problems with the books weren't just because of the romance angle.As I stated above, Dark Shadows: Angelique's Descent is very reminiscent of a soap opera, which seeing its genesis isn't surprising, but did make for an exasperating read. It has the typical soap opera device where people change their minds a gazillion times and keep hanging on to former lovers as if you only have the one shot. Angelique's obsession with Barnabas drove me insane, by the third or fourth time he rejected her, I just wanted to smack her and tell her to move on already! It also suffers from random plot elements surprising its own characters. For example, Angelique recalls someone from the dead and makes them a zombie, who then drops from the story, but when said zombie turns up at her door at one point she's completely astonished. There were several of these instances, which are common in soaps, but are strange when they show up in books.Writing-wise, the book also contained its fair share of purple prose. Again, common in romance books, but not something I look for in books I read. I do have to say that the prose tightened up a lot toward the end of the book and the purplishness wasn't as jolting in the sections set in the past, which tell Angelique's story. I found the prose far more of a problem in the sections set in the 1970's, which are told from Barnabas' point of view. On the whole, I have to say I did enjoy Angelique's sections far more, the setting in the Caribbean was interesting and drew me in far more than Barnabas' Maine.One thing I found really problematic was the age at which Angelique is described to feel the first stirrings of sexual desire. She's only eleven or twelve when this is described and I found it highly disturbing. Despite being set in the 18th century and people marrying younger back then, I still find eleven – and a later scene at thirteen – to be too young for my sensibilities and I wonder whether it was really necessary to have her be that young for these scenes to work. If she'd just been a year or three older, it would have been far less disturbing. However, I realise that this might be a personal concern, there might be many people who do not find this problematic.I find it hard to give a final judgement for Dark Shadows: Angelique's Descent, because of the fact that it just wasn't my cup of tea. There were some things which are bad or disturbing no matter what genre it is, but overall, much of what I found tedious about the book, might just be the thing that makes it work for others. So I can't say I recommend it, unless you're a die-hard romance reader who likes a bit of the supernatural mixed in or you have fond memories of the original TV series.This book was sent to me for review by the publisher. It is an eBook-only publication.

  • Carolina Dean
    2019-01-22 18:59

    Written by the actress who played the evil witch Angelique on the daytime soap-opera Dark Shadows, Angelique’s Descent tells the story of how the woman became the witch we loved to hate.The story jumps intermittently between the present (1971) and the past, roughly 200 years prior as Barnabus Collins reads Angelique’s journal which he found at the ‘old house’ as it is often referred to in the series. The first half of the novel describes Angelique’s early childhood in late 18th century San Martinique. When we first meet the young Angelique, she is a child of the ocean spending her days swimming among the sea life and exploring caves near her mother’s island hut. We learn that her mother was a native-healer and her father, a white Englishman, the owner of a sugar plantation.Angelique’s mother is tricked into sending her away to live with her father who promises a life of wealth and ease for Angelique. In truth, Angelique’s father suspects that she has inherited a portion of her mother’s powers and plans on using her as a pawn to keep his slaves in line by having Angelique impersonate the voodoo Goddess Erzulie. What Angelique’s father learns, albeit far too late, is that Angelique is far more powerful than he could have imagined. Along the way we learn of Angelique’s earliest meeting with a young Barnabus Collins and their eventual love affair before Angelique becomes a servant of the rich and powerful Du Pres family.The latter half of the book will be familiar to anyone who watched the series as the author describes the events which played out on screen using dialogue from the original scripts. We are also treated to events that occurred ‘off-camera’ filling the blanks between scenes. Having escaped her past, Angelique becomes a maid to Josette Dupres to whom we learn she has a profound connection. Barnabus and Angelique are able to consummate their love-affair, however due to constraints of society at the time, they are unable to wed. Ultimately it is Josette to whom Barnabus becomes betrothed, inciting Angelique’s wrath. Angelique calls upon her sorcery in attempt to undo their love and reclaim Barnabus for herself, resulting in Barnabus becoming a Vampire.The author’s style of writing is easy to follow. The story is well-thought out and faithful to the established characters and plot made famous in the television series. Although described as an erotic tale, I found the few scenes describing Angelique’s sexual liaisons quite tame.My biggest complaint with the story is the lack of realism in Angelique’s flavor of witchcraft. In some instances she uses actual magical theories (such as sympathetic magic) while in other instances she chants gibberish which I take as lazy writing.Parker did an excellent job of portraying Angelique a sympathetic villain. Having learned of the violence and betrayal of which Angelique was the victim one cannot help but empathize with her and understand why she did what she did….for love.

  • Anja Braun
    2019-01-23 16:59

    This is Angelique's story..Why did she become the woman you know from the t.v. series or movie? Her mother had been a medicine woman who believed in magic.So from a very early age Angelique had seen her do spells. One day her supposed father took her away from her carefree life by the sea and thus began the strange, sad tale of Angelique.Angelique had actually met Barnabas at a young age.The meeting made quite an impression on both of them.Angelique started dabbling in "Evil" magic when she found some old spell books in a secret room. She realized she had powers that she didn't understandAngelique wasn't always a cold, obsessive woman.This book explains her change from a Innocent, happy carefree spirit to the Angelique we are familiar with.Barnabas has some responsibility in the mental madness that was Angelique.He is the one who pursued her, he led her on, and then he betrayed her..He was the weak one who couldn't stand up to his father.

  • Rebecca
    2019-01-07 18:56

    Reviewed for Book Chick Cityhttp://www.bookchickcity.com/2012/07/...DARK SHADOWS: ANGELIQUE’S DESCENT by Lara Parker is based upon the old Dark Shadows TV series, and details the history of witch Angelique, and her relationship with vampire Barnabas. Having never seen the Dark Shadows TV series, or the recent Dark Shadows movie starring Johnny Depp, I was a little confused when starting this book, as it seemed as if background knowledge of the characters was needed in order to fully connect with the story. There is very little introduction to the character of Barnabas or Angelique, with the book delving straight into the complex plot. It begins with Barnabas in his present time, apparently having been recently cured of his vampirism and learning to adjust to life as a human once more. He is reminiscent about the past, thinking of Angelique and her influence over his life despite the fact that as a new reader I hadn’t been introduced to her character at this stage. When he spots a shadowy figure in the grounds of his estate, he enters the uninhabited old house which he hasn’t entered for many years. Here he is overcome with emotion and burns the house to the ground, returning to his own mansion. The morning after, when the ruins are examined, he finds a diary which belonged to Angelique, and it is here that our story really starts. We are thrown straight into Angelique’s history, which begins when she is taken from her mother at the age of nine and forced to follow her father to a sugar plantation. Here she is dressed as a goddess, where the African slaves pray to her whilst her father keeps her locked away in a tower. She is violently mistreated during her time at the plantation, making many escape attempts in a bid to flee her father. Her story is interrupted with flashes to the present, with Barnabas reading the diary, but there are details mentioned in this present time that aren’t at all explored. The story is all Angelique’s, but I found myself not caring for her story, and would have liked to see more of Barnabas. The book did pick up slightly after Angelique’s escape from the plantation, as she then meets Barnabas and we discover how he became a vampire, but I still wasn’t drawn into her story. She has the qualities of a sorceress, being able to cast spells similar to voodoo, with her magic using more dark qualities than light. It is often used to hurt others, and yet still I wasn’t interested in her character, despite this emotional drama. After enduring a slow read to reach the end of the book, I started asking myself why I wasn’t more interested in Angelique, as her story is harrowing and emotional but was missing something. Partly I think this was because I had no prior knowledge of the characters, but there was something else that frustrated me more than that. This was the description used by the writer. It was overly excessive, with every point exaggerated too far. This was good at the beginning of the book for world-building, but then I found myself going several pages and wondering what was actually happening throughout all the detail. “Jasmine twined profusely through the iron enclosure, sweetly perfuming the air, and there was another aroma, of gardenias, tropical and heavy in the mist, blooming waxen on black bushes by the gate.”This is just one example of the description, and as you can see, this is all one overly long sentence. The book is full of descriptions like this, and when looking back at the events I found that they could have been summed up in a couple of sentences rather than pages, and the story wouldn’t have lost any of its value. Overall the plot of this book didn’t impress me, as I didn’t form a connection to the character of Angelique. If there had been a page or two as a prologue to detail the events of the TV series then I might have fared better, but I feel like this book is better aimed at fans of the show.

  • Don Weiss
    2019-01-04 19:20

    Since coming across a description of this novel in a magazine back in 1999, I’d always kept it in the back of my mind to read, yet somehow never got around to it. Fast-forward years later, and to the availability of books on Kindle, and I was able to obtain a copy of ANGELIQUE’S DESCENT. It was worth the wait. The story, which takes place in the continuity of the original DARK SHADOWS series, visits the early life of Angelique Bouchard, the sorceress/femme fatale responsible for the plight of the pivotal central character, vampire Barnabas Collins.Lara Parker is equally as adept as a writer as she is as an actress. Having played Angelique on the small screen for so many years, there’s no one who knows the character better, and Ms. Parker superbly fleshes her out, peeling back the layers of her jealousy and hatred to reveal a truly tortured and conflicted figure. Appropriately, past events are described from Angelique’s perspective, through the discovery of her diary by Barnabas, who heads the familiar assortment of characters in 1971. Barnabas’ relationship with Angelique is a central theme that fuels the entire series, and the author depicts their first encounter at a tender age, leaving a strong impression on both.She also likens Angelique’s witchcraft to Barnabas’ vampirism; it’s not something she embraces willingly, but the darkness within her that she’s constantly fighting, which eventually consumes her entirely and leaves her powerless to become anything other than what she is. Barnabas’ betrayal is the final catalyst of Angelique’s descent. Professing his undying love for Angelique and his goal for independence from his wealthy family, then caving to familial pressure and developing true love for Josette du Pres, coldly turning away from Angelique in the process, Barnabas often comes across as cowardly and hypocritical, making Angelique’s curse on him seem a fitting and deserved retribution. In spite of that, she continues to pursue him, her unwilling companion for eternity. Ms. Parker’s portrayal of Barnabas Collins is also spot-on.Written by one who understands the iconic DARK SHADOWS characters, and who also brought one of those characters to startling life, ANGELIQUE’S DESCENT is a revealing tale delivered with the highest level of compelling drama found in the series itself.

  • Emma Valieu
    2019-01-19 14:26

    [3.5/5]Quand Barnabas croise Angélique, c'est le coup de foudre. Elle qui est d'une beauté si saisissante et atypique lui donnera bien du mal pour se laisser charmer par ce beau parleur jusqu'à ce qu'elle lui offre finalement son coeur... pour son plus grand malheur. Angélique, sorcière de naissance, prêtresse vaudoo de "formation", va passionnément aimer Barnabas Collins, à la vie mais surtout à la mort.Moi qui avais pas mal aimé le filmDark ShadowsdeTim Burton , j'ai trouvé l'idée d'écrire une saga sur les personnages d'abord issus d'une série télévisée très bonne, surtout que ce premier tome concerne Angélique que j'ai tout bonnement adoré. On ne voyait à l'écran d'elle qu'une garce puissance prête à tout pour réaliser ses caprices mais Lara Parker (qui interprétait le rôle d'Angélique dans la série) a imaginé ce qu'aurait pu être sa vie avant sa malencontreuse rencontre avec l'homme dont elle tomba follement amoureuse. Et que dire si ce n'est que c'est assez passionnant : fille d'une mère guérisseuse et d'un père inconnu, elle baigne très tôt dans le pouvoir des plantes jusqu'à ce qu'elle soit emmenée par un homme plus cruel que bon qui l'obligera à embrasser le monde vaudoo dans une Martinique fragilisée par l'esclavage et la révolte. Petit à petit, on découvre ce qui a fait d'Angélique la femme fatale qu'elle est devenue et il est alors plus difficile de la haïr. C'est que certaines femmes voyant leur coeur brisé par un homme ont du mal à empêcher leur âme de noircir, ce qui fut le cas pour Angélique dont le prénom est pour le coup ironique.La plume très poétique et l'ambiance gothique et romantique m'ont beaucoup surprise ; malgré quelques longueurs qui finissent par rendre ce roman un peu laborieux, l'immersion tantôt dans les grandes maisons de planteur moites, tantôt dans les demeures froides et lugubres est totale. Une bonne découverte pour qui voudrait allier sorcellerie et vampirisme de manière plus classique, voire historique.

  • Gidget Strickland
    2019-01-22 15:19

    As a fan of the original soap saga, I was pleased that my favorite character, hada book based off her story, and her love written by the woman who portrayed her.Angelique's Descent was not just a love story between Angelique and the vampireyou hated to love Barnabus Collins, it was a tale of her birth, her trials in heryouth, and her love/hate for Barnabus.You find that Angelique came from a long line of voodoo, and witchcraft, andthat her father took her away to basically make her a goddess for his slavesto keep them from escaping. When Angelique tries many escape attempts, he attemptsto sacrifice her. She in turn murders her fathers and escapes to America in searchof a young man who she fell in love with. That man, was one Barnabus Collins.When she finds herself a servant to the woman who her "Soulmate" was to marry,she sets out on a course of seduction and magic. When that fails she places onhim a curse he spends many lifetimes trying to reverse.Lara Parker eloquently and beautifully paints in words, a canvas of riveting, rawromance. No one can put that much heart into a story unless she portrayed this womanon the television screens. Parker took a soap character and made her come to life,you felt the loneliness of her being held prisoner by her father, you felt her heartbreak.Those who love the soap will not be disappointed, those new to the series, or never watchedwill be engrossed in a love story better than anything written today.

  • Dawn
    2019-01-09 21:02

    My mother loves this show, but my memories of it are vague and seen through the foggy haze of youth. Therefore I'm judging this book on its own merits and not comparing it to the show (or the recent movie, which I did see). I think I liked it more after I finished and thought back on it than I did when I was actually reading it. The reason for that is the parts that take place in the "present" (actually 1971). I found those parts to be a bit boring and they completely took me out of the story. I kept thinking, come on, get back to Angelique! I think this might be a better book without them. Angelique's story could be told on its own without the flashbacks through her diary. I also think the author glossed over some interesting parts; notably the pirate attack and Angelique's true paternity. I'd rather there had been more written on those than the 1971 parts. Angelique's parts are interesting, but very dark. There is a lot of cruelty, both animal and human. For me, it got really good when Angelique goes full-on cray-cray. I had some questions about the show when I finished, but that was my own curiosity about how the book compared to the show. I definitely think the book stands on its own and fans of supernatural romance will probably enjoy this a lot.

  • Ramie
    2018-12-28 15:07

    I wasn't yet around when the tv version of Dark Shadows was on the air but I have recently started to watch it. Having seen some of the show out of order and now starting it in order, I know bits and pieces of the story of Barnabas, Josette, and Angelique but not all. Needless to say when I saw this book, I figured why not. It should put a lot of things into place for me. I'm not exactly worried about spoilers at this point.This is a good telling of Angelique's story from childhood until her death. Of how Barnabas met Angelique, fell in love with her, out, then in love with Josette. How revenge ruined the Collins family and Angelique. It is told to us through Angelique's eyes via her diary which Barnabas is reading in 1971 as he prepares to marry Julia. Some of the characters living in Collinwood during the 70s do make cameo appearances but really this is a story about Angelique, her family, Barnabas, his family, Josette, and her family.It's really a book for fans of the original show. Heavy on the romance, revenge, and all things paranormal. I felt like the author was trying a little too hard at times to be over the top but all that did was keep me from giving it 5 stars. It's still an excellent book for anyone needing a DS fix.

  • Amanda
    2019-01-14 13:56

    Just finished Lara Parker’s 1st “Dark Shadows” novel “Angelique’s Descent” and it was great!!! :D Lara is an amazing writer and she created such a great backstory for her character Angelique. Some of it shocked me and it totally had me feel even more for her character in ways the show never really was able to do (like explain her childhood and how she became a witch). It was a bit hard to get through at first with her childhood but once it started picking up with her as a teenager, meeting and falling for Barnabus, and becoming Josette’s laidies maid that’s when it took off. It was a crazy ride and such a great book. Plus getting things that happened on the show from her POV. But I also loved how Barnabus was finally finding this out too in present day (well 1971) Collinwood. His story picks up right after the show ended and leaves off with an interesting cliffhanger for the 2nd book (which I’m reading next). Again just amazed by Lara’s writing and so looking forward to reading the 2nd book (which focuses more on present day Barnabus and the Collins family) and the 3rd (about Quinten). Hopefully she’ll be able to get her 4th one about Victoria out soon too. :)

  • Reeny
    2018-12-29 20:22

    I have always loved Angelique she was my favorite character on the Dark Shadows series besides Vicki winters. Lara Parkers books lend much profoundness to Angelique and her background, I had always wondered about her mother, her father her family and home and how she came about practing witchcraft Voodoo, and this book explained it all and it answered many of my question about her.

  • Adele
    2018-12-29 17:16

    Not too sure of her acting, but MAN! the woman can write! After a bit, I refused to read it after dark. I have another Dark Shadows book on my TBR shelves for nearly 10 years that I've been too scared to read yet. (For the curious, it's "Dark Shadows: Dreams of the Dark" by Stephen M. Rainey, pub. 1999.)

  • Erin
    2019-01-10 15:19

    Lara Parker's writing is amazing. She truly captures the feel of the show and in this novel, gives us insight in to the mind of Angelique. I think that fans of Anne Rice's Vampire Chronicles would also enjoy this book..it has the same type of rich historic atmosphere. A must read for any fans of dark shadows!

  • E Jeanne Harnois
    2019-01-14 20:59

    Picked up this book as I was a fan of the original series. Actually bought it because I was intrigued by author's background. Not that she was the actress from the original show, that alone would have made me put it back as fan-fiction, but that she appears to have the literary skills/talent to pull this prequel off. We'll see!Follow up: An entertaining read, but about 100 pages too long.

  • Sara Mae
    2019-01-21 17:02

    I loved this book! Lara Parker is an excellent writer and this is one of the best novels I have read. I highly recommend it. It draws you into the characters and fills you with passion. One of my favorite books.

  • Phyllis Sroka
    2018-12-23 21:21

    Lara Parker tells the story of fire at Collingwood. Barnabas' struggles with his past. Julia tries to help Banabas overcome his past. Great so far-page 46!

  • Andy
    2019-01-19 20:21

    Nice continuation from the originals by one of the actors who was there from the beginning (almost). Have enjoyed her books so far and I saw she has a new one coming out soon!!!

  • Claire
    2018-12-25 13:12

    L’Antologia degli Inganni« Tutti coloro che ho amato mi sono stati strappati. C’è qualcosa di pericoloso in me, un potere oscuro che non comprendo... »[Angelique - Dark Shadows - pag. 284]Se il film di Tim Burton (in programmazione in questi giorni) pare avere principalmente l’intento di riportare in auge e di rendere omaggio alla gothic soap opera “Dark Shadows”, il romanzo di Lara Parker — primo di una serie — trova radici in un sorta di auto-espiazione, per il ruolo di Angelique che ne consacrò il successo e — come spesso avviene — la conseguente veste identificativa.L’ex-attrice, ora autrice della fortunata serie di romanzi ispirati a “Dark Shadows”, ha evidenziato la pesante eredità di un ruolo come quello di Angelique in un’intervista:"Kids tended to think I was Angelique and that I was that evil and cruel."[“I bambini tendevano a pensare che io fossi Angelique e che, come lei, fossi cattiva e crudele”]non potendo togliersi di dosso l’aura negativa derivata dall'indentificazione col personaggio, intaccando persino la sua immagine pubblica e privata, la Parker ha sentito la necessità di tentare — a distanza di un ventennio — la riabilitazione di Angelique, unendo utile e dilettevole nella seconda delle sue passioni, la scrittura.“Dark Shadow - La Maledizione di Angelique” è soprattutto un cammino di espiazione al rovescio.Se il film di Burton parla per voce di Barnabas Collins, vero protagonista della soap americana (andata in onda dal 1966 al 1971 - inedita in Italia), non stupisce affatto che Lara Parker, ancora una volta, interpreti se stessa, raccogliendo in un diario i ricordi della sceneggiatura originale integrati ad una memoria inventata, quella personale di Angelique, che narra la genesi della maledizione, motore unico della storia.Non pensiate, dunque, di trovare nel film il contenuto del libro, poiché non sono l’uno l’eco dell’altro, bensì entrambi omaggio ed interpretazione di una sola voce, ovvero, la serie cult Dark Shadows, che influenzò generazioni di giovani, introducendo tutti gli elementi del paranormal che oggi sono tornati alla ribalta.Veniamo al libro.Siamo nel 1972 (il ‘presente’ negli anni della serie), Barnabas Collins è libero dalla sua prigione di legno, la bara incatenata che lo ha costretto al sonno e al digiuno per oltre due secoli e, forse, libero anche dalla maledizione che lo aveva mutato in vampiro e, com’è ovvio, in assassino.Al suo fianco ora c’è Julia, prima testimone della sua condizione di ‘mostro’, la sola persona in grado di comprendere, di trovare una cura, di guarirlo e conquistare con ciò quella fiducia e quell’affetto che Barnabas, chino sotto il peso di un passato terribile, non avrebbe mai immaginato di ritrovare in una donna.La macabra casa di famiglia a Collinswood è prossima alla distruzione, sostituita, poco distante, dalla sua versione moderna, una villa meravigliosa, tuttavia priva di quella memoria che coincide col passato di Barnabas, un baule di ricordi divisi tra felicità e dolore, che finisce inesorabilmente per attirarlo in seno a quelle stanze, impregnate ancora di quell’oscurità inquietante memoria e presagio di eventi incredibili.Barnabas è deciso a lasciarsi alle spalle la sua prima esistenza per cominciarne una nuova, nella normalità che il tempo corrode, di gran lunga preferibile all’orribile prezzo da pagare all’immortalità. Ma alla vigilia dell’abbattimento della vecchia casa, qualcosa di antico lo conduce fra le spoglie di quel passato, una presenza o una suggestione, in principio non riesce a capirlo, finché il suo timore più grande non si concretizza in una coincidenza diabolica, nel ritrovamento del diario di Angelique.Barnabas comincia a leggere il diario, convinto che ci sia una ragione per cui questo si è salvato dalla distruzione; lo legge di nascosto, temendo di ferire Julia e, forse, di scoprire qualcosa di pericoloso... ma quello che trova è totalmente nuovo, inaspettato, per la prima volta vede chi è veramente la donna che gli ha rovinato la vita.Angelique racconta il suo destino sulle pagine del diario, di come siano stati gli eventi a tenere il timone della propria vita. Nel paesaggio vergine della Martinica, trascorre la vita semplice felice di una bellissima bambina, dalla pelle troppo chiara per somigliare alla madre, dagl’occhi del colore del mare incorniciati da una cascata di capelli d’oro da somigliare una dea, Erzulie la Dea dell’Amore.Questo è solo il primo di una serie d’inganni che devieranno verso un destino immeritato la giovane Angelique, strappata all’affetto della madre senza apparente motivo, ignara dell’identità del padre naturale, sola di fronte a violenze ed ingiustizie, costretta a ricoprire un ruolo che non comprende, la ragazza scopre il lato più crudele degli uomini, lottando per non cadere in quelle stesse tentazioni, cercando, quasi mendicando un po’ di affetto, imparando ad usare la magia, diversa da quella praticata dalla madre, per avvicinare e proteggere quelle persone care, scoprendo, invece, l’imprevedibilità del proprio talento, la potenza incontrollabile che cela una natura legata a doppio filo col male, ben lontana dall’aura angelica che il suo nome suggerisce.La vita di Angelique scorre sotto gli occhi di Barnabas, ora sconvolto dalla scoperta della sua dimensione umana, fragile, persino amabile, riportando il pensiero al momento in cui la vide per la prima volta, come in un sogno meraviglioso e se ne innamorò all’istante, come sotto l’influsso di un incantesimo, un bellissimo quanto terribile incantesimo che lo avrebbe incatenato per secoli.La Parker ha uno stile semplice, ma fluido quanto basta per convincere il lettore a girare le pagine, ad inoltrarsi in una storia inedita, tra realtà (persino storica) e fantasia, raccontando l’evoluzione, sinora nascosta, del suo personaggio, le tribolazioni di un animo che oscilla pericolosamente tra Bene e Male, il suo indeciso passare tra l’ambizione e la semplicità, tra l’ingenuità e l'ossessione del suo amore per Barnabas e la consapevolezza del tradimento, un duello costante tra passione e vendetta, dietro a tutto questo l’ennesimo inganno, una maledizione indelebile, il potere oscuro che va oltre la vita e... oltre la morte.Un romanzo che si legge tutto d’un fiato, lasciando in sospeso la dose giusta di domande da rendere trepidante l’attesa del secondo libro della serie.La recensione su La Collezionista di Dettagli

  • Lisachan
    2019-01-17 20:09

    La prima cosa importantissima da dire su questo libro è che l'associazione (per ovvi fini commerciali) che la casa editrice fa tra il romanzo è il film è abbastanza fuorviante. Dopo un paio di pagine dall'inizio della lettura è evidente che sia il romanzo che il film, non avendo niente più che l'idea di base da condividere, sono in realtà entrambi ispirati, con risultati differenti, alla soap opera originale degli anni '60, che è in sé una realtà differente rispetto ad entrambi. Questo per dire che approcciare questo libro con l'idea di ritrovare fra le sue pagine lo spirito della dark comedy di Burton può solo portare ad una delusione.Preso a sé, invece, il romanzo ha alcuni punti di forza ed alcune debolezze, come tutti quei romanzi che ispirano commenti tipo "sì, carino, m'è piaciuto". Ecco, Dark Shadows. La Maledizione di Angelique è l'immagine fatta libro del "sì, carino, m'è piaciuto". Non stiamo parlando di un capolavoro della letteratura internazionale, ma nondimeno parliamo di un romanzo che, pur essendo lunghissimo, si legge in pochissimi giorni, ed è in grado di regalare un personaggio che, purtroppo, a mio parere il film non era riuscito a mettere in luce come avrebbe dovuto.Parlo di Angelique, naturalmente, di cui questo libro racconta l'intera vita, letteralmente dalla nascita alla morte, preferendo (e a ragione) concentrarsi su di lei che sulle vicende personali di Barnabas Collins, che invece era assoluto protagonista del film e che qui nel libro è ridotto a coprotagonista maschile, quasi una specie di semplice osservatore, il veicolo attraverso il quale si dipana l'affascinante storia di Angelique, figlia bianca di una guaritrice di colore della Martinica che, per una serie di vicissitudini, scopre la magia nera e diventa una strega.E' lei il punto di forza del libro, la pietra preziosa custodita fra le pagine. Tutta la prima metà del romanzo è avvincente ed intrigante perché parla di lei, la racconta fin da piccola senza il minimo pudore in tutti i suoi problemi ed in tutti i suoi turbamenti di bambina e poi di adolescente e giovane donna. Segue la sua vita, una sventura dietro l'altra, ma per Angelique non si arriva mai a provare pena (tranne che nella parte finale del libro), perché la sua forza, il suo orgoglio e il suo coraggio non smettono mai di scintillare, anche nei momenti più bui.La sua storia con Barnabas, ovvero il germoglio del loro amore e l'inizio della loro relazione, è anch'esso un punto di forza del romanzo. Contrariamente al film, dove fin dall'inizio si presentava Angelique come una ragazza sprovveduta ingannata da un Don Giovanni, nel libro la storia d'amore fra i due si protrae per anni in una serie di incontri/scontri di cui Barnabas non è pienamente consapevole fin quando non trova il diario della ragazza e lo legge. Angelique incontra e conosce Barnabas da bambina, si innamora di lui immediatamente e vive tutto il resto della propria vita in completa devozione della sua persona, e questo - particolare che ho trovato particolarmente struggente e realistico - nonostante Barnabas, la persona che Barnabas realmente è, non meriti niente di tutto questo.La vera pecca del libro, a mio parere, è la scelta dell'autrice - legittima, ma nondimeno poco accorta - di continuare ad incentrare il punto di vista narrativo su Angelique anche quando invece sarebbe stato necessario spostarlo su Barnabas e Josette. C'è un punto, infatti, in cui all'improvviso Barnabas, che fino a poche pagine prima dichiarava amore eterno ad Angelique promettendole di sposarla, dopo un'assenza di un anno ritorna alla Martinica perdutamente innamorato di Josette, anche se con lei ha trascorso la totalità di mezz'ora ed ha scambiato solo qualche lettera. Non serve a molto che l'autrice, attraverso Barnabas, si ostini a ripetere quanto intensamente lui amasse Josette: di quell'amore noi non abbiamo visto niente, non lo conosciamo, ed il risultato è che, presentato così, sembra solo un espediente di Barnabas per non perdere l'eredità paterna.Altro punto debole del libro è quello di presentare Josette come una figura pura e salvifica, quando poi quello che viene effettivamente mostrato del suo carattere fra le pagine del romanzo è del tutto diverso: Josette è una ragazzina viziata, capricciosa, volubile, civettuola, piena di buone intenzioni ed entusiasmo solo perché abbastanza sciocca, innamorata di Barnabas solo perché è bello e poetico nelle sue lettere; è una persona che, quando Barnabas viene trasformato in vampiro, si lancia fra le sue braccia chiedendogli di vampirizzare anche lei perché "non le interessa niente di queste maledizioni che lei non capisce", ma alla quale poi basta che Angelique le mostri una falsa immagine di se stessa vecchia e brutta per farle cambiare idea. Non si riesce in alcun modo né ad empatizzare con lei, né a provare interesse per il suo amore nei confronti di Barnabas, e per questo motivo tutta la seconda parte del libro risulta forzata e vagamente frustrante, specie per chi invece aveva a cuore la relazione fra Angelique e Barnabas, così appassionata e romantica, e che nell'ultimo centinaio di pagine osserva quella stessa relazione trasformarsi in qualcosa di orribile, in cui i due non riescono a smettere di farsi del male a vicenda, incapaci sia di amarsi che di odiarsi per bene.Lo stile dell'autrice è pieno, gonfio di immagini interessanti, quasi barocco, il che si traduce in splendide descrizioni (specie della Martinica, delle sue grotte, del suo mare, delle piantagioni di zucchero, dei rituali pagani degli schiavi neri) ma dialoghi fortemente artificiosi. Ho fatto fatica ad abituarmi, ma è un problema che ho spesso con gli stili poco diretti e ricchi di fronzoli, non proprio la mia tazza di tè. Ciononostante, ad una cinquantina di pagine dall'inizio, il romanzo ingrana e scorre via velocissimo, tanto che, appunto, nonostante la lunghezza, lo si legge in pochissimi giorni.In generale, mi sento di consigliarlo abbastanza a chiunque, purché non ci si aspetti il romanzo perfetto, o di ritrovare le stesse atmosfere del film, perché in quel caso si rimarrebbe parecchio delusi. Se siete in cerca di intrattenimento non facile ma neanche particolarmente complesso, Dark Shadows è perfetto per voi. E adesso aspettiamo di vedere se la Tre60 deciderà di pubblicare anche i due seguiti.

  • Alyse
    2019-01-12 19:59

    I have never watched the original Dark Shadows tv show. I have watched the movie, starring Johnny Depp. I do understand that both are different from eachother ENTIRELY. However I only watched the movie because it looked good, it was a comedy--of course but I'm a sucker for Burton, a sucker for Dark-ish things. (even if brightened by comedy--Dark Humor?) I found out later that the tv show was NOT based off these books. Essentially the actress that played Angelique in the orginal series is the author. This serves as HER account of Angelique's life until she meets the handsome Barnabas Collins. It's a interesting take, a little weird but it''s not a book full of smut, smut, smut but rather one that literally tells a story of a time before Angelique met Barnabas. It's filled with horrors and injustice, love and loss. You feel sorry for Angelique and in the end you just rather think Barnabas is a stereotypical male with one thing on his mind, which ends in turmoil for him and the ones he loves. (HaHa) Team Angelique ♥ I have the second book to the series and have yet to get the 3rd or 4th...on the quest though I might have to take a break from jealousy and turn my brain onto something more...hairy.

  • Stefania
    2019-01-19 20:11

    Dark Shadows La maledizione di Angelique è il primo volume di una trilogia nata dalla penna di Lara Parker e pubblicato lo scorso mese di maggio dalla Casa Editrice Tre60. Premetto che sono stata attratta fin da subito da questo romanzo in quanto i personaggi presenti nella trama sono già noti agli schermi televisivi fin dalla fine degli anni '60. L'autrice stessa, il cui vero nome è Lamar Richey Hawkins, recitò la parte di Angelique nell'omonima serie televisiva di grande successo degli anni '60. Negli anni '90 decise di ritirarsi dalle scene e di mettere mano alla stesura di questi romanzi.Altro motivo a destare il mio interesse per questo romanzo il fatto che contemporaneamente alla sua uscita nelle librerie, nella sale cinematografiche veniva proposta una trasposizione su pellicola, dall'omonimo titolo. Quanti di voi sono andati al cinema per vederlo? Io ammetto che sono stata una delle prime a restarne piacevolmente colpita. Il geniale film del famoso Tim Burton con attori del calibro di Johnny Depp, Eva Green e Michelle Pfeiffer non poteva che riscuotere successo. È meglio però che a questo punto io faccia subito una precisazione: quanto emergerà dalle pagine del libro si discosta quasi completamente dalla versione cinematografica. Ora, non voglio dilungarmi troppo sulle scelte operate dal regista, che vi presenteranno i protagonisti e la trama sotto sfaccettature ben diverse, ma vi consiglio che val la pena di gustare entrambi mentre qui mi limiterò a parlarvi del romanzo.Fin dalle prime pagine è facile venire risucchiati dallo stile descrittivo ammaliante ed avvolgente della Parker: si sente il ritmo incalzante dei tamburi, si percepisce il profumo di salsedine, si apprezzano i colori dell'isola. Vi troverete immersi in una lettura senza sosta per cercare di conoscere meglio i protagonisti che vivono nelle fitte pagine di questo volume.Certo, ammetto che non sia una lettura leggera da ombrellone, ma penso che custodisca al suo interno quella magia utile ad avvincere il lettore alla narrazione e trasportalo in terre e tempi lontani.In questo romanzo, come recita il sottotitolo, ampio spazio viene dedicato al personaggio di Angelique, quasi che il fulcro della narrazione sia lei stessa. Tutto ruota intorno alla sua vita, alle sue scelte, ai suoi sentimenti...Essendo stata scritta dalla reale interprete di Angelique questa storia è narrata secondo il suo personale punto di vista.Angelique Bouchard, 1774 - 1796. L'amore dorme nell'abbraccio della morte.Una storia ricca di magia, sortilegi, sofferenze, ombre oscure e tradimenti.Descrizioni ricche e particolareggiate fanno compiere voli tra un remoto passato ed il presente tormentato che si vive a Collinwood. A volte queste possono risultare lunghe e prolisse ma servono a far calare realmente il lettore nell'ambientazione. Servono a farci vedere con gli occhi di Angelique e rafforzare maggiormente quell'impeto di emozioni che ha sempre custodito nel suo cuore.La narrazione si apre con il "longevo" Barnabas Collins alle cure della giovane dottoressa Julia. Proveniente da una ricca famiglia di armatori divenne un vampiro a seguito di una maledizione.Sembra che Julia abbia trovato una cura in grado di restituirgli la mortalità e farlo tornare un normale essere umano. Per Barnabas è la svolta. La Vecchia Casa a cui sono legati ormai tristi ricordi sta per essere abbattuta ma un fortuito incendio precede l’impresa di demolizioni. Si salveranno dalle fiamme solo il vecchio diario di Angelique, che incomprensibilmente farà in modo di attrarre a sè Barnabas, ed una scatola appartenente a sua madre. Il diario, quasi celasse in se gli oscuri poteri della strega, avrà il potere di influenzare Barnabas facendo affiorare tutta una serie di ricordi sull'infanzia di Angelique e dando il via alla narrazione degli eventi che lo trasformarono in una creatura della notte.Pagine forti, ricche di crudi dettagli, similitudini poetiche ed atmosfere gotiche che parleranno con schiettezza e trasporto di schiavitù, soprusi, sacrifici e magia nera in un crescendo di emozioni.Infelice Angelique... Che destino crudele. Come biasimarla? Ha fatto quel che ha fatto, ma quante sofferenze! Una semplice ragazza della Martinica che tanto amava il mare e sua madre, forgiata e corrotta dalla cattiveria di uomini crudeli. Un'infanzia prigioniera della violenza e della paura.Segreti celati che straziano il cuore.Si. Ho capito come sei fatta. Tu hai un cuore forte e prendi quello che è tuo. Vedi cosa c'è davanti a te e allunghi la mano per prenderlo, senza nessuna paura.Merito di questo primo capitolo è quello di averci fatto provare affetto per questa giovane donna, di avercela fatta conoscere e averci fatto capire la sua rabbia ed il suo dolore nel profondo. Ci ha fatto piangere, ci ha scossi nel profondo e ci ha ammaliati giocando con l'amore e con la morte.Primo di una trilogia, ora mi aspetto che nel prossimo romanzo venga dato più spazio al punto di vista introspettivo del giovane Barnabas, quel giovane soldato passionale, volubile e ribelle dagli occhi scuri e lentiggini sul naso.Alcuni dettagli in merito alla figura di Barnabas sono ancora sconosciuti (ad esempio come abbia fatto ad essere liberato dalle catene che avvolgevano la sua bara per trovarsi ai giorni nostri non è dato saperlo), ma credo che nei prossimi volumi l'autrice chiarirà tutti i lati oscuri e magari cambierà la prospettiva della narrazione.Io vorrei presto leggere il seguito. Nell'attesa invito voi, cari lettori, a provare il fascino oscuro di queste pagine dalle tinte dark e dalle emozioni forti. Non ne rimarrete delusi.

  • Sofia
    2018-12-27 18:17

    Ho finito l'altro ieri di leggere Dark Shadows e ora finalmente ho un po' di tempo per scrivere la recensione. Devo dire che la trama mi ispirava molto e in un certo senso mi aspettavo molto da questo libro ma purtroppo le mie aspettative sono state deluse: sostanzialmente per tutte le 434 pagine non succede poi molto. Non c'è azione e quella poca che c'è viene raccontata con poco trasporto emotivo.Interessante però la scelta dell'autrice nell'impostazione del romanzo. Si può dire, infatti, che ci sia un romanzo nel romanzo: Barnabas dopo duecento anni è finalmente riuscito a sfuggire dalla maledizione che lo teneva imprigionato, che lo costringeva ad uscire solo la notte assetato di sangue per uccidere fanciulle innocenti... la maledizione che lo aveva trasformato in un vampiro.Libero, può finalmente partecipare attivamente alla vita familiare dei suoi discendenti e andare avanti senza essere sopraffatto dai ricordi del passato. Una sola cosa gli rievoca immagini dal passato: la sua casa antica che è però ormai ad un passo dalla demolizione.Proprio nella notte prima dell'arrivo dell'impresa di demolizioni Barnabas decide di fare un'ultima visita alla villa e a causa di un doloroso ricordo del passato (che sembra quasi reale) per sbaglio fa cadere una candela e la casa va a fuoco. Due sole cose si salvano dall'incendio: Il diario di Angelique e un bauletto(che ritroveremo alla fine del romanzo).Indeciso se leggere o no il diario alla fine Barnabas cede alla curiosità e inizia a sfogliare il diario e ci immergiamo con lui in quello che è il mondo di Angelique dalla sua infanzia alla sua morte (ma sarà davvero morta, poi?).Cresciuta sull'isola di Madinina (letteralmente "città dei fiori"), Angelique vive serena con la madre in una piccola casetta vicino al mere fino all'età di 10 anni quando il padre, proprietario di una piantagione di canne da zucchero, decide di portarla con se per farla diventare la Dea Erzulie, divinità sacra agli schiavi africani che lavorano per lui. Da quel momento in poi la vita della ragazzina è pressapoco paragonabile a quella di una carcerata: non può farsi vedere in pubblico se non durante le cerimonie notturne, dove gli schiavo la guardano e la sfiorano con fare adorante, ed è costantemente in uno stato di semi-tranche a causa della droga che le danno per farla stare calma e accondiscendente. Cresciuta in questo clima misto di violenza, paura e magia è inevitabile che Angelique inizi a studiare la magia Vodoo; a darle i poteri per i suoi incantesimi è il Signore Oscuro in persona. Quando finalmente riesce a scappare dalla tirannia del padre e, per una serie di avvenimenti (che non sto a raccontarvi), rinuncia ai suo poteri, decide di accettare il lavoro di cameriera\dama di compagnia che le viene offerto in una casa di un ricco proprietario terriero.La vita della ragazza trascorre monotona fino a che un giorno, al mercato, rincontra Barnabas (si si erano già incontrati due volte, ma non vi dico in che frangenti!), un giovane marinaio di ricca famiglia che però non la riconosce. Il giovane si innamora perdutamente di lei (o almeno così sembra) e anche la ragazza piano piano cederà alle sue avance. Poco dopo le chiederà di sposarlo. Barnabas e Angelique nel film diretto da Tim Burton l'11 maggio al cinema.Barnabas parte allora per andare a chiedere la benedizione del padre per il matrimonio ma, un anno dopo, quando torna, non è più Angelique la fortunata sposa. Un'altra donna ha preso posto nel cuore del marinaio e Angelique non ha intenzione di fargliela passare liscia. Inizialmente non sa se usare la magia per fargliela pagare ma poi inizia questa (a mio avviso patetica) corsa all'incantesimo per far dimenticare all' innamorato la sua promessa sposa. Per prima cosa devo rettificare un'informazione che avevo scritto nell'anteprima: infatti il film non è ispirato a questo libro ma alla serie televisiva degli anni '60, così come del resto anche questo libro. Infatti Lara Parker è l'Angelique della serie originale che ha deciso di riportare sotto forma di diario i ricordi del suo personaggio. Il libro avrà in oltre un seguito che se mai venisse pubblicato in Italia leggerei per curiosità, infatti il finale mi ha lasciato un po' a bocca asciutta. Non so, questo romanzo mi ha lascito un po' così. Non saprei come definirlo: è uno di quei romanzi che vuoi continuare a leggere perchè la trama iniziale ti è piaciuta così tanto che vai avanti pagina dopo pagine per trovare l'inizio di quello che è il vero carattere del romanzo e finalmente dire "Okey è questo che volevo leggere!". In questo caso non è successo ma non fraintendetemi non è un romanzo da buttar via. Mi piacerebbe molto avere la vostra opinione. Appena avrete letto il libro se ne avete voglia correte qui che ne parliamo.

  • Nereia
    2019-01-14 18:26

    Questa recensione è tratta dal mio blog personale: Recensione Dark Shadows. La maledizione di AngeliqueOmbre oscure sì... ma di noia!Ho acquistato Dark Shadows in vista dell'uscita, nelle sale cinematografiche, dell'omonimo film di Tim Burton. Purtroppo, però, non mi sono documentata approfonditamente prima di cliccare il tasto "aggiungi al carrello" su Amazon. Se lo avessi fatto mi sarei certamente risparmiata non solo una brutta lettura, ma anche il peso di dover scrivere una brutta recensione.Ho appreso solo dopo aver iniziato la lettura, infatti, che Lara Parker in realtà non è una scrittrice. Dark Shadows nasce, in verità, non come un libro ma bensì come una soap opera andata in onda negli Stati Uniti nel 1966 ottenendo, tra le altre cose, un clamoroso successo. La soap, infatti, fu rinnovata per ben cinque stagioni e trasmessa fino al 1971. Dato il successo, dalla soap furono tratti diversi film e spin off e Lara Parker, in un film del 1971, interpretò il ruolo della bella Angelique, protagonista indiscussa (e vedremo successivamente perché "indiscussa") di questo romanzo.Il libro, come l'autrice stessa ci tiene a precisare in una nota presente in fondo al romanzo, non racconta esattamente le vicende della soap (e meno male!), ma consiste piuttosto in una sorta di approfondimento del personaggio di Angelique. La serie tv, infatti, ruotava intorno alla vita di un altro personaggio: il vampiro Barnabas.La storia inizia con il ritrovamento da parte di Barnabas di un diario personale, diario appartenuto appunto ad Angelique. Come se il lettore leggesse le pagine di quel diario insieme a Barnabas, l'autrice ci racconta la vita della ragazza partendo da quando era solo una bambina.L'infanzia di Angelique è segnata dalla violenza, dall'infelicità, dalle menzogne e, dulcis in fundo, dalla magia nera. Se questo, all'inizio, può sembrare un aspetto interessante del libro, a lungo andare non fa che rendere noiosa e ripetitiva la narrazione. Per pagine e pagine non succede nulla di importante: l'autrice descrive le giornate (tutte uguali!) di Angelique senza aggiungere niente che sia "decisivo" ai fini della narrazione. Per almeno un centinaio di pagine nulla spinge il lettore ad andare avanti, gli avvenimenti si succedono così lentamente da scoraggiare praticamente chiunque (escluso chi ha un viaggio di 7 ore in treno davanti) a procedere nella lettura.I dialoghi sono in pieno stile telenovela, quasi li avessero scritti gli sceneggiatori di Beautiful, e l'attaccamento ossessivo di Angelique alla figura di Barnabas, la quale manca del tutto di spessore psicologico, risulta quasi ridicolo.L'autrice, infatti, oltre a descriverlo come un ragazzo dall'aspetto fisico niente male, non spende una parola (ma nemmeno una!) per raccontarci chi sia veramente. Possibile che l'amore profondo e viscerale che Angelique prova per lui sia dettato esclusivamente dall'aspetto fisico? L'ossessione che la consuma, l'amore passionale che guida tutte le sue azioni e decisioni da che cosa è scaturito? Da un bel taglio di capelli?Il mancato approfondimento di un personaggio così importante è una pecca enorme, un errore madornale che rende tutta la storia poco credibile, a tratti ridicola e, perché no, anche un po' patetica.Ma il peggio si sfiora con l'introduzione, nella narrazione, del personaggio di Josette. Anche lei, come Barnabas, possiede lo spessore psicologico di un foglio di carta millimetrata. Niente, ma proprio niente, giustifica le azioni di Angelique, né l'intensità dei suoi sentimenti di amore e, ancor più, di vendetta.Questo, tra l'altro, è il primo volume di una trilogia. Dio me ne scampi e liberi! Non credo di voler leggere il secondo e il terzo volume, preferisco piuttosto morire di noia!

  • LuciaThe Loyal Book
    2019-01-06 20:26

    Dark Shadows segue principalmente la vita di Angelique, dall'infanzia fino all'incontro con Barnabas, l'affascinante rampollo che le ruberà il cuore. Scritto da Lara Parker, l'attrice che interpretò il ruolo di questa misteriosa strega nella serie televisiva andata in onda anni fa, Dark Shadows è un libro che ci porta alla scoperta dei lati più oscuri e reconditi di Angelique. Scritto superbamente, con uno stile evocativo che coinvolge grazie alle descrizioni vivide e, a tratti, quasi violente, la storia comincia con una Angelique bambina, innamorata del mare e dell'oceano, che vive in armonia con la terra in cui è nata, la Martinica, insieme a sua madre, una guaritrice. Brutalmente strappata alla sua infanzia dal padre, un uomo violento che possiede una piantagione di canne da zucchero, Angelique è costretta a impersonare la dea Erzulie per tenere buoni gli schiavi del padre. Dopo aver passato anni sotto le terribili grinfie del padre-padrone, Angelique riesce a fuggire, anche se ne frattempo ha imparato qualche rito magico. La sua conoscenza delle arti magiche si approfondisce ulteriormente e, nel frattempo, fin da piccola ha occasione di incontrare Barnabas, un giovane ragazzo da cui rimane subito affascinata. Dopo aver deciso di rinunciare ai suoi poteri a causa della loro connessione con il maligno, Angelique diventa la serva di una ricca famiglia americana e compagna di Josette, una dolce e bella ragazzina viziata, educata a diventare una signora. Quando incontra per la terza volta Barnabas, questi si innamora follemente di lei, tanto da sedurla e prometterle di sposarla dopo che sarà tornato negli Stati Uniti. Purtroppo però, un anno dopo, al suo ritorno, Barnabas è promesso sposo a Josette e quando questa segue il futuro marito negli USA insieme ad Angelique cominciano i problemi. Nonostante il libro proceda lentamente, lo stile narrativo è veramente coinvolgente, poetico e descrittivo. Il modo in cui i riti voodoo e la natura dell'isola ci vengono presentati è così realistico che si riesce quasi a raffigurarseli. Per quanto riguarda i personaggi, è Angelique a dominare incontrastata la scena. Grazie alla narrazione che copre tutta la sua vita, ci è possibile capire come sia giunta a essere la strega vendicativa: tradita fin dalla più tenera infanzia, ha dovuto affrontare una vita piena di insidie, in cui la magia ha sempre giocato un ruolo ambiguo. Angelique è un personaggio complesso e affascinante, sapientemente descritto, pieno di contraddizioni, mosso dalle migliori intenzioni, ma con un perverso modo di raggiungere i suoi scopi. È difficile odiarla del tutto, visto il passato che ha avuto, e Barnabas, il bel ragazzo che ha rubato il cuore di Angelique, maledetto e costretto a vivere come vampiro per dei secoli, finché non è stato salvato dalla cura di Julia, appare a intermittenza per tutto il romanzo. Personalmente, non mi sarebbe dispiaciuto saperne di più su di lui e vedere un maggior approfondimento della sua personalità. Non ho molto capito il repentino cambiamento dall'amore travolgente per Angelique alla passione per Josette, totalmente diversa come carattere e come aspetto. Questo è il lato del libro che meno mi ha convinto, insieme con il finale che non è propriamente conclusivo. Moltissimi sono i personaggi secondari che si alternano, ognuno ben caratterizzato e con una personalità definita. La dolce Josette, gli schiavi della piantagione, il simpatico Cesaire che aiuta Angelique, il padre violento…una miriade di persone che ruota attorno alla vita di Angelique. Complessivamente il libro è molto piacevole e accattivante, con atmosfere dark e mistiche che piaceranno agli appassionati del genere. Ora non rimane che da vedere il film di Tim Burton!

  • Stefi Il Giardino delle rose
    2019-01-22 19:59

    Lara Parker affronta la storia di Angelique e di Barnabas partendo dal presente: Barnabas è libero, non è più un vampiro, non si è ancora abituato alla sua nuova condizione di umano perché per troppo tempo è stato prigioniero di desideri abominevoli. Ora una nuova vita lo attende, con Julia ed il gesto per sugellare questa rinascita sarebbe stata la distruzione della Casa Antica, dove tutto ebbe inizio, programmata per il giorno seguente.Quella notte Barnabas viene misteriosamente attratto verso la casa, vede un’ombra laggiù nel bosco, una figura umana…chi potrà mai essere a quell’ora di notte! Decide così di uscire avvicinandosi alla casa anche se aveva promesso a Julia che non avrebbe mai più messo piede li dentro … un’ultima volta … cosa mai sarebbe successo! Camminando nel bosco rabbrividì quando si ritrovò a pensare ancora a lei, ad Angelique e gli si gela il sangue, quando una volta nella casa, la vide lì, distesa sul letto con le braccia tese verso lui.Corse via da quella visione ed in preda al terrore prende un fiammifero e da fuoco all’orlo di una tenda ed in un attimo il fuoco si mangia tutto.Tutto proprio no! Da quel terribile incendio si salva il vecchio diario di quando Angelique era ancora una bambina. La storia ha così realmente inizio.Siamo nel XVIII secolo nell’ Isola della Martinica; l’autrice ci descrive un mondo terribile e violento, quello degli schiavi, del lavoro che spezza la schiena, l’umiliazione delle catene, un mondo in cui gli uomini con la pelle scura non possono essere liberi, ma sono considerati semplici oggetti da sfruttare fino alla morte e poi gettare via.E’ un mondo orribile quello in cui è costretta a vivere con la forza Angelique, lei non lo sa ancora, ma verrà trasformata in una vera e propria Dea e dovrà assistere a cose che la segneranno per sempre.Angelique impara così la magia, diventerà un’adepta dello Spirito Oscuro e quando Barnabas, l’unico ragazzo che abbia mai amato, la umilierà sposando un’altra ragazza, lo condannerà per l’eternità ed utilizzando la magia nera lo trasformerà in un vampiro.Lara Parker oltre ad essere diventata famosa per aver interpretato il personaggio di Angelique nella serie televisiva originale, scrisse ben tre libri ispirati proprio alla serie: Dark Shadows: Angelique's Descent del 1998, Dark Shadows: The Salem Branch del 2006 ed infine nel 2012 Dark Shadows: Wolf Moon Rising.Dark Shadows (Ombre oscure) è stata una soap opera americana uscita addirittura nel 1966, la serie divenne molto popolare quando, dopo un anno dal suo inizio, apparve il vampiro fino ad inserire una serie incredibile di elementi soprannaturali tra i quali: lupi mannari, zombie, mostri artificiali, streghe, stregoni, viaggi nel tempo e universi paralleli.In generale posso ancora aggiungere che la scrittura è scorrevole e la trama è decisamente avvincente grazie all’inserimento di diversi elementi come passione e tradimento, gelosia, riti magici, ma se devo essere sincera anche elementi crudeli alle volte macabri che mi hanno un po’ impressionato e quindi mi sento di consigliare questo libro solo a lettori adulti.

  • Adriana
    2019-01-15 18:24

    Beh, allora. Partivo con poche aspettative. Non ne avevo molto sentito parlare, e comunque non avevo grandi speranze,ma mi sono ricreduta.Pensavo che sarei andata incontro ad un libro fantasy basato sui vampiri e streghe (quello che racconta la trama), ma non è stato così.Il protagonista principale è Barnabas. Da subito capiamo che precedentemente era un vampiro, ma adesso, liberatosi dalla maledizione, è di nuovo umano. Trova tra le ceneri della sua vecchia casa egli trova il diario di Angelique. Barnabas inizia a leggere il diario e da qui inizia la storia. Principalmente il libro si concentra sulla vita di Angelique, nata nell'età dei schiavi neri, che viene strappata dalla madre dal presunto padre. Lui possiede un campo di canne da zucchero dove lavorano solo schiavi, ma proprio all'inizio delle loro rivolte usa Angelique, camuffandola come Dea, per fermare le rivolte. All'età di 10 anni incontra per la prima volta Barnabas, un soldato. Dopo di allora trascorrono anni di prigionia, in cui cerca di scappare, ma il padre, avido e prepotente, la ferma sempre. Nella sua stanza di prigionia trova un libro di incantesimi e lo impara a memoria; infatti scopriamo che la madre di Angelique è una strega, e perciò anche lei ha dei poteri. Il giorno della fuga, in cui uccide il padre, con l'aiuto di un suo amico schiavo, scappano e si nascono in una nave. Lì per non essere buttata in mare, si finge un ragazzo e inizia a lavorare come aiutante cuoco. A metà del viaggio però la nave viene attaccata dai pirati ma lei riesce a scappare. Arrivata nel Maine trova lavoro presso la residenza di una contessa, e lì inizia a fare la serva. Proprio un giorno ,per caso, rincontra Barnabas e inizia la loro avventura d'amore, che però finirà quando lui decide di sposare un'altra ragazza. Angelique sentendosi umiliata e tradita decide di vendicarsi ostacolando in tutti i modi il matrimonio.La storia di Angelique mi ha affascinato molto, e in sè è un anche un libro storico, poiché racconta la storia degli schiavi. Mi è piaciuto abbastanza ma è totalmente diverso dal film prodotto da Tim Burton.

  • Letizia
    2019-01-14 17:06

    Sono rimasta ammaliata da questo romanzo... e.. sorpresa! Si, assolutamente incredula, di fronte alla complessità della trama sopratutto se accostata al film appena uscito... Il paragone è ovvio quanto necessario, perchè si tratta di due cose completamente diverse. Da un lato abbiamo il film, divertente, un pizzico irriverente, ma piacevolmente spensierato, pur mantendendo intatte le atmosfere gotiche, dall'altro uno splendido diario/racconto sulla vita della nostra protagonista Angelique. Cosa troverete? Passione, tradimento, atmosfere gotiche, ossessione, gelosia, storia ( siamo nel periodo del dominio coloniale in Martinica) riti Voodoo e magia oscura da far rabbrividire. Non amo anticipare troppo, per cui mi limito a dire che la storia inizia con Barnabas,nella veste di ex -vampiro che ritrova il diario di Angelique...da qui la storia ha inizio e si dipana in colpi di scena, descrizioni così realistiche dalle quali è impossibile non esserne catturati, anima d' Africa allo stato puro, con le sue credenze e le sue tradizioni. E poi c'è Angelique, strega incantatrice e diabolica, come si fa a non essere affascinati da un personaggio così complesso? Impossibile!Non lasciatevi trarre in inganno dalla storia del film , non è la semplicistica storia di una donna consumata dalla sete di vendetta per l'uomo che l'ha sedotta e abbandonata.No,c'è molto di più.E'una storia di scelte dolorose, di magie malvagie ma anche di umanità tenera,di conseguenze dolorose poichè la magia, ha un prezzo molto alto,e un punto di non ritorno dal quale non si può fuggire. A voi la scelta se giustificare la scelta di Angelique o meno, solo una raccomandazione: non fermatevi ad una lettura semplicistica e andate oltre... la natura femminile e sensuale di Angelique parla al cuore di una donna e offre chiavi di lettura e spunti di riflessioni che vi renderanno difficile il compito di una presa di posizione solida. Per finire, la scoperta che si tratta dell'inizio di una trilogia! Non me lo sarei mai immaginata... Aspetto con trepidazione il seguito!